Connect with us

In Evidenza

CNN:”Possibile misterioso attacco vicino alla Casa Bianca tramite armi ad energia diretta”. Esiste tale tecnologia? (Video CNN + Infowars)

John Cooper

Pubblicato

il

Le agenzie federali di Washington stanno indagando su almeno due possibili incidenti sul suolo statunitense, incluso uno vicino alla Casa Bianca nel novembre dello scorso anno, che sembrano simili ai misteriosi attacchi invisibili che hanno portato a sintomi debilitanti per dozzine di persorne del personale statunitense all’estero. Diverse fonti che hanno familiarità con la questione dicono alla CNN che mentre il Pentagono e altre agenzie che hanno indagato sulla questione non hanno raggiunto conclusioni chiare su ciò che è accaduto, ed il fatto che un simile attacco possa aver avuto luogo così vicino alla Casa Bianca è particolarmente allarmante. Funzionari della difesa hanno informato i legislatori sui comitati per i servizi armati del Senato e della Camera all’inizio di questo mese, compreso l’incidente vicino alla Casa Bianca. Quell’incidente, che si è verificato vicino all’Ellipse, il grande prato ovale sul lato sud della Casa Bianca, ha fatto ammalare un funzionario del Consiglio di sicurezza nazionale, secondo diversi funzionari e fonti statunitensi attuali e precedenti. In un episodio separato del 2019, un funzionario della Casa Bianca ha riferito di un attacco simile mentre portava a spasso il suo cane in un sobborgo della Virginia appena fuori Washington, ha riferito GQ l’anno scorso. Gli ammalati riferirono sintomi simili al personale del Dipartimento di Stato e alla CIA colpiti all’estero, e gli ufficiali hanno iniziato rapidamente a indagare sull’incidente come un possibile attacco della “sindrome dell’Avana“. Quel nome si riferisce a sintomi inspiegabili che il personale statunitense a Cuba ha iniziato a sperimentare alla fine del 2016 – una serie variabile di sintomi che include schiocchi delle orecchie, vertigini, mal di testa martellanti e nausea, a volte accompagnati da un “rumore direzionale penetrantenon identificato. Voci sono circolate a lungo intorno a Washington su incidenti simili negli Stati Uniti. Mentre i recenti episodi intorno a Washington sembrano simili ai precedenti apparenti attacchi che hanno colpito diplomatici, ufficiali della CIA e altro personale statunitense in servizio a Cuba, Russia e Cina. Gli investigatori non hanno determinato se gli sconcertanti incidenti in patria siano collegati a quelli che si sono verificati all’estero o che potrebbe essere dietro di loro, dicono le fonti alla CNN.

I funzionari della difesa che hanno informato i legislatori, hanno detto che era possibile che la Russia fosse dietro gli attacchi, ma non avevano abbastanza informazioni per dirlo con certezza. Un altro ex funzionario statunitense coinvolto nelle indagini all’epoca ha detto che anche la Cina era tra i sospettati.

Gli Stati Uniti hanno lottato per comprendere questi attacchi dal 2016 al 2017, quando il personale diplomatico e dei servizi segreti a Cuba ha iniziato a segnalare sintomi allarmanti che sembravano apparire di punto in bianco. I funzionari dell’intelligence e della difesa sono stati riluttanti a parlare pubblicamente degli strani incidenti, e alcuni che sono stati colpiti si sono lamentati pubblicamente che la CIA non ha preso abbastanza sul serio la questione, almeno inizialmente. Gli attacchi alla fine hanno portato a un drammatico calo del personale presso l’avamposto dell’Avana sotto l’amministrazione Trump. Il personale in Russia e Cina ha riportato incidenti simili e inspiegabili. Sebbene non vi sia consenso su ciò che causa i sintomi, uno studio sponsorizzato dal Dipartimento di Stato ha scoperto che probabilmente erano il risultato di attacchi di energia a microonde .

Un “gioco di potere burocratico”

Un altro mistero che circonda la “sindrome dell’Avana” è come il governo degli Stati Uniti sta affrontando il problema. Tra coloro che indagano sul misterioso schema dei possibili attacchi ci sono la CIA, il Dipartimento di Stato e il Dipartimento della Difesa.Verso la fine dell’amministrazione Trump, il Pentagono ha cercato di prendere l’iniziativa per la percepita frustrazione che altre agenzie non stavano facendo abbastanza per affrontare la questione. “Sapevo che la CIA e il Dipartimento di Stato non stavano prendendo sul serio questa cosa e volevamo farli vergognare stabilendo la nostra task force”, ha detto alla CNN la scorsa settimana Chris Miller, che all’epoca era segretario alla difesa in qualità di agente. I leader del Pentagono hanno istituito la task force per monitorare le segnalazioni di tali sintomi che colpiscono il personale del Dipartimento della Difesa all’estero, uno sforzo che Miller ha detto era inteso in parte come un “gioco di potere burocratico” per costringere la CIA e lo Stato a prendere più seriamente il problema nel proprio personale. Miller ha detto di aver iniziato a considerare le segnalazioni di questi misteriosi sintomi come una priorità più alta a dicembre, dopo aver intervistato una presunta vittima con una vasta esperienza di combattimento. “Quando questo ufficiale è entrato e ho conosciuto il suo background e ha spiegato in uno stile straordinariamente dettagliato ma più militare che ho potuto capire, era come se fosse davvero reale”, ha detto Miller. “Questo ragazzo aveva combattuto un sacco e lo sapeva. “La CIA ha avviato la sua task force nel dicembre 2020 e ha ampliato i suoi sforzi sotto la guida del nuovo direttore William Burns, che durante le sue udienze di conferma ha promesso di rivedere le prove sui presunti attacchi al personale della CIA all’estero, che sono stati a lungo segnalati pubblicamente. Il Dipartimento di Stato ha nominato un alto funzionario per guidare la risposta del dipartimento agli attacchi della “sindrome dell’Avana” a marzo. Si ritiene che lo sforzo del Dipartimento della Difesa sia tra i più robusti, potenzialmente spiegando perché un funzionario della difesa, piuttosto che la comunità dell’intelligence o l’FBI, abbia informato i legislatori sull’incidente all’Ellipse, anche se è avvenuto sul suolo statunitense. Miller ha contattato Griffin Decker, un funzionario in carriera del Comando Operazioni Speciali degli Stati Uniti, per eseguire lo sforzo. Decker avrebbe seguito e verificato i rapporti nei militari di quella che ormai era diventata informalmente nota come “sindrome dell’Avana”. Miller dice che Griffin gli avrebbe segnalato un nuovo caso “ogni due settimane”, anche se ha avvertito che erano alla ricerca di false segnalazioni, episodi psicosomatici o ipocondria. Alcuni dei casi che hanno rintracciato includevano i bambini e le persone a carico del personale del Dipartimento della Difesa all’estero, ha detto Miller. Il direttore dell’intelligence nazionale Avril Haines è stato interrogato sul rapporto della CNN dal senatore Jeanne Shaheen, un democratico del New Hampshire, giovedì in un’audizione della commissione per i servizi armati del Senato. Haines non ha discusso i dettagli, ma ha definito la questione dei misteriosi attacchi “di importanza critica” e ha aggiunto: “in tutta la comunità dell’intelligence, francamente, i leader sono concentrati su questo problema”. Haines ha anche difeso la classificazione delle informazioni relative agli attacchi, ma ha detto che i membri del Congresso “dovrebbero certamente avere accesso alle informazioni riservate”. Un portavoce della Casa Bianca ha dichiarato in una dichiarazione: “La Casa Bianca sta lavorando a stretto contatto con i dipartimenti e le agenzie per affrontare incidenti di salute inspiegabili e garantire la sicurezza e la protezione degli americani che prestano servizio in tutto il mondo. Dato che stiamo ancora valutando gli incidenti segnalati e di cui abbiamo bisogno per proteggere la privacy delle persone che segnalano incidenti, al momento non possiamo fornire o confermare dettagli specifici “.

Difficile determinare la causa dei sintomi

Decker e Jennifer Walsh, che era il sottosegretario alla Difesa per la politica, hanno informato i legislatori della Camera e del Senato nelle ultime due settimane sui possibili attacchi, hanno detto alla CNN due fonti che hanno familiarità con il briefing. Politico ha riferito per la prima volta sui briefing del comitato. In un incidente che è stato indagato, i marines in una base remota in Siria hanno sviluppato sintomi simil-influenzali poco dopo che un elicottero russo ha sorvolato la base, sollevando preoccupazioni immediate che potesse essere uno di questi strani attacchi. Ma “è stato rapidamente rintracciato il motivo, avevano mangiato cibo cattivo e nessun altro nella base aveva gli stessi sintomi”, ha detto un ex funzionario statunitense a conoscenza dell’incidente. È stato anche determinato da un medico della difesa che i sintomi erano iniziati prima della pattuglia russa, ha detto alla CNN un funzionario della difesa. L’episodio in Siria mette in luce le difficoltà che devono affrontare i funzionari statunitensi nel cercare di definire cosa è o non è un attacco. I sintomi spesso variano e gli ufficiali non hanno ancora un’idea chiara di come lo sconosciuto avversario stia facendo quello che sta facendo. Almeno un ex funzionario statunitense a conoscenza della questione ha affermato che gli investigatori non hanno ancora completamente escluso la possibilità che i sintomi siano causati da un qualche tipo di fenomeno naturale piuttosto che da un’arma. Un altro funzionario della difesa statunitense ha confermato che le indagini del Pentagono sono in corso. Il funzionario non ha offerto dettagli, ma ha detto: “Non lo staremmo ancora guardando se non fossimo coinvolti”. “Non c’è niente che il Segretario alla Difesa prenda più seriamente della sicurezza, salute e benessere del nostro personale che serve in tutto il mondo in difesa dei nostri valori e delle nostre libertà”, ha detto in una dichiarazione il segretario stampa del Pentagono John Kirby. “Eventuali dubbi su questioni che lo mettono in discussione vengono esaminati accuratamente e vengono intraprese le azioni appropriate per mitigare i rischi per il nostro personale”. Un rapporto di marzo della National Academy of Sciences ha rilevato che “l’energia a radiofrequenza pulsata e diretta” era la causa più probabile dello strano insieme di sintomi. Sebbene il rapporto sia stato scritto con cura per non sopravvalutare i suoi risultati, ha offerto alcune delle prove pubbliche più chiare fino ad oggi sul fatto che gli incidenti potrebbero essere attacchi attribuibili ad energia “pulsata” o “diretta”. Alcuni membri del personale sono stati gravemente feriti a causa dei presunti attacchi, con almeno un ufficiale della CIA in carriera costretto a ritirarsi l’anno scorso e a cui è stata diagnosticata una lesione cerebrale traumatica.Questa storia è stata aggiornata con i commenti della Casa Bianca e anche del Direttore della National Intelligence.

Fonte

Condividi

SOTTOTITOLI VELOCI?

Copyright © 2020-2021 Detoxed.Info