Connect with us

NWO

Dopo un “Nuovo Ordine Mondiale” post-pandemia, Papa FRANCESCO invoca una “governance globale” e “vaccini universali”

John Cooper

Pubblicato

il

Rimane un urgente bisogno di un piano globale che possa creare nuove istituzioni o rigenerarne di esistenti, in particolare quelle di governance globale, e contribuirà a costruire una nuova rete di relazioni internazionali per promuovere lo sviluppo umano integrale di tutti i popoli“.

CITTA’ DEL VATICANO, 8 aprile 2021 – Papa Francesco si è rivolto alla Banca Mondiale e al Fondo Monetario Internazionale nel loro incontro di primavera, invocando una “governance globale” alla luce del COVID-19, sostenendo con forza i vaccini universali e lamentandosi del “ debito ecologico ” che dobbiamo alla “natura stessa”.

La sua lettera è l’ultima di una serie di atti recenti in cui Francesco si è schierato con corporazioni globali impegnate in programmi anticattolici.

La lettera è stata consegnata tramite Peter Cardinal Turkson, Prefetto del Dicastero per il Promuovere lo Sviluppo Umano Integrale della Santa Sede, all’incontro della primavera 2021 tra la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale (FMI), attualmente in corso online dal 5 all’11 aprile.

In data 4 aprile, la lettera menzionava Dio solo una volta, nell’ultima riga. 

Invece, Francesco si è concentrato sulla richiesta di un sistema di governo globale che implementasse un nuovo ordine sociale nel mondo, basato sulle politiche sui cambiamenti climatici e sulla vaccinazione universale

“Governance globale”

Facendo riferimento alla “pandemia Covid-19”, Francesco ha dichiarato che il mondo era stato costretto ad “affrontare una serie di gravi ed interconnesse crisi socio-economiche, ecologiche e politiche”.

Tali crisi interconnesse, ha presentato alla Banca Mondiale e al FMI, sperando che i loro incontri fornissero la base per un riordino degli affari mondiali: “È mia speranza che le vostre discussioni contribuiranno a un modello di ‘ripresa’ capace di generare soluzioni nuove, più inclusive e sostenibili per sostenere l’economia reale, aiutando gli individui e le comunità a realizzare le loro aspirazioni più profonde e il bene comune universale “.

Francesco ha ribadito l’affermazione secondo cui COVID ha mostrato come “nessuno si salva da solo” e quindi occorre elaborare “forme nuove e creative di partecipazione sociale, politica ed economica”.

Citando la sua recente enciclica Fratelli Tutti , definita “blasfema” dall’Arcivescovo Carlo Maria Viganò, Francesco ha citato la “fiducia” come “pietra angolare di tutte le relazioni”, un punto che, secondo lui, la Banca Mondiale e il FMI avrebbero “saputo bene” perché sono “esperti in finanza ed economia”.

Ha esortato che i due giganti finanziari promuovano tali relazioni e si impegnino a “costruire ponti e immaginare progetti inclusivi a lungo termine”.

Francesco ha anche rinnovato il suo frequente appello per un cambio di paradigma nella politica globale, dicendo: “rimane un urgente bisogno di un piano globale che possa creare istituzioni nuove o rigenerarne di esistenti, in particolare quelle di governance globale, e aiutare a costruire una nuova rete di relazioni per promuovere lo sviluppo umano integrale di tutti i popoli”. 

Un effetto principale dell’auspicato governo globale sarebbe la riduzione del debito al fine di consentire un facile accesso principalmente ai “vaccini”, seguito da “salute, istruzione e lavoro”.

Un “debito ecologico” nei confronti della “natura stessa”

Tuttavia, Papa Francesco non ha perso l’opportunità di istruire l’FMI e la Banca mondiale su un’altra delle sue aree di preoccupazione regolari, vale a dire il “cambiamento climatico“. Ha messo in guardia dal trascurare il “debito ecologico”, un fenomeno che ha descritto come influenzante il mondo intero, e che contrappone il “nord globale” al “sud”.

“Siamo, infatti, in debito con la natura stessa, così come con le persone e i paesi colpiti dal degrado ecologico indotto dall’uomo e dalla perdita di biodiversità”, ha scritto Francis. 

“A questo proposito, credo che l’industria finanziaria, che si distingue per la sua grande creatività, si dimostrerà capace di sviluppare meccanismi agili per il calcolo di questo debito ecologico, in modo che i paesi sviluppati possano pagarlo, non solo limitando significativamente il loro consumo di energia rinnovabile o aiutando i paesi più poveri ad attuare politiche e programmi di sviluppo sostenibile, ma anche coprendo i costi dell’innovazione richiesta a tale scopo. “

Queste linee sembrano riecheggiare i sentimenti espressi dal globalista chiave e fondatore del World Economic Forum, Klaus Schwab, la cui proposta anticattolica “Great Reset“, è sostenuta da un focus su un’agenda finanziaria verde, mentre menziona il “ritiro di sussidi ai combustibili fossili” e un nuovo sistema finanziario basato su” investimenti” che promuovono “uguaglianza e sostenibilità” e la costruzione di un’infrastruttura urbana”verde”.”

Schwab, il FMI e decine delle banche più influenti del mondo (inclusa la Banca mondiale), si sono infatti già impegnati a far rispettare l’agenda verde del Grande Reset e sembrano pronti a fare dell’adesione a tali politiche verdi un criterio di accesso. Finanziare in futuro.

Francesco ha già segnalato la sua intimità con Schwab, inviando un discorso al WEF quattro volte durante i suoi otto anni di pontificato e consentendo una tavola rotonda annuale in Vaticano a Davos, la sede della conferenza annuale del WEF in Svizzera.

Una società secolare ha indicato un nuovo ‘bene comune’

Francesco ha anche fatto più volte riferimento al “bene comune” nella sua lettera, che ha intimamente legato alla finanza e ad una forma di fraternità secolare come quella descritta in Fratelli Tutti . 

“Ne consegue che il denaro pubblico non può mai essere disgiunto dal bene pubblico, e i mercati finanziari dovrebbero essere sostenuti da leggi e regolamenti volti a garantire che funzionino veramente per il bene comune. Un impegno per la solidarietà economica, finanziaria e sociale implica quindi molto di più che compiere sporadici atti di generosità “.

Tali obiettivi, per Francesco, includono “una solidarietà vaccinale giustamente finanziata“, che ha detto fa parte della “legge dell’amore e della salute di tutti”.

“Qui, ribadisco il mio invito ai leader del governo, alle imprese e alle organizzazioni internazionali a collaborare per fornire vaccini a tutti, in particolare ai più vulnerabili e bisognosi”. 

Concludendo la sua lettera, Francesco ha ribadito il suo desiderio di un mondo incentrato su un nuovo stile di fraternità, sostenuto da un focus sulle politiche verdi, esortando la Banca Mondiale e il FMI a sviluppare soluzioni per “un futuro più inclusivo e sostenibile”.

Sarebbe un futuro “dove la finanza è al servizio del bene comune, dove i deboli e gli emarginati sono al centro, e dove la terra, la nostra casa comune, è ben curata”.

Non c’era menzione nella lettera di Cristo, della Chiesa cattolica o dell’insegnamento cattolico sul bene comune.

Sottomissione all’agenda globalista

La lettera di Papa Francesco non è una grande sorpresa, dal momento che l’84enne argentino ha notevolmente aumentato i suoi legami di lunga data con gruppi e organizzazioni globaliste, come le Nazioni Unite (ONU) e il WEF.

Francesco ha recentemente chiesto un “nuovo ordine mondiale“, dicendo che il “dramma dello spreco” della “crisi” COVID-19 sarebbe peggiore dell’interruzione causata dalle misure COVID in tutto il mondo. 

Anche in quella occasione, ha affrontato il tema della salvezza, affrontandolo ancora una volta con una comprensione puramente terrena, e collegando la salvezza al nuovo ordine mondiale e al centro delle politiche verdi: “La via per la salvezza dell’umanità passa attraverso la creazione di un nuovo modello di sviluppo, che punta indiscutibilmente sulla convivenza tra i popoli in armonia con il Creato “.

A tal fine, Papa Francesco ha lanciato una sua iniziativa con l’Onu e con le corporazioni globaliste , al fine di promuovere un nuovo “sistema economico” del capitalismo e garantire il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite. Tra gli altri aspetti, le partnership promuovono “stili di vita sostenibili”, “uguaglianza di genere” e “cittadinanza globale”, mentre gli stessi SDG promuovono “servizi di salute sessuale e riproduttiva”.

Il Papa recentemente aveva anche invocato un Nuovo Ordine Mondiale per il mondo post-pandemia

Papa Francesco insiste in un nuovo libro, le cose non saranno più le stesse in un mondo post-pandemia, chiedendo invece l’istituzione di un “nuovo ordine mondiale”.

In un libro- intervista con il giornalista Domenico Agasso dal titolo Dio e il mondo a venire , prevista per il rilascio in lingua italiana il Martedì, il Pontefice ribadisce il suo caso per il Grande di Reset con un allontanamento dalla speculazione finanziaria, i combustibili fossili, e build-militare verso un’economia verde basata sull’inclusione.

Dopo la pandemia di coronavirus, “nessuno oggi può permettersi di stare tranquillo”, dichiara il Papa in un lungo estratto dal libro edito da Vatican News. “Il mondo non sarà mai più lo stesso. Ma è proprio all’interno di questa calamità che bisogna cogliere quei segni che possono rivelarsi i capisaldi della ricostruzione ”.

“Teniamo tutti a mente che c’è qualcosa di peggio di questa crisi: il dramma di sprecarla”, afferma. “Non possiamo uscire da una crisi come prima: o ne usciamo meglio o ne usciamo peggio”.

Fonte

Possiamo sanare l’ingiustizia “costruendo un nuovo ordine mondiale basato sulla solidarietà, studiando metodi innovativi per sradicare il bullismo, la povertà e la corruzione”, aggiunge, “lavorando tutti insieme, ciascuno per la propria parte, senza delegare e spendere soldi”.

Questo nuovo ordine mondiale si baserà sull’eliminazione delle disuguaglianze e sulla cura dell’ambiente, afferma il Papa.

“Non possiamo più accettare allegramente disuguaglianze e perturbazioni ambientali”, dichiara. “La via per la salvezza dell’umanità passa attraverso la creazione di un nuovo modello di sviluppo, che indiscutibilmente mette al centro la convivenza tra i popoli in armonia con il Creato”.

Come percorso verso una soluzione, Francesco indica i giovani coinvolti in “movimenti ecologici”.

“Se non ci rimbocchiamo le maniche e ci prendiamo subito cura della Terra, con scelte personali e politiche radicali, con una svolta economica ‘verde’ indirizzando gli sviluppi tecnologici in questa direzione, prima o poi la nostra casa comune ci butta fuori la finestra “, insiste.

Il Papa afferma anche la sua convinzione che il mondo debba essere guarito dalla “mentalità speculativa dominante” per essere ristabilito “con un'”anima” per ridurre il divario tra chi ha accesso al credito e chi no.

I cristiani e le persone di buona volontà dovrebbero scegliere quali imprese sostenere sulla base di quattro criteri, propone Francesco, e cioè: “inclusione degli esclusi, promozione degli ultimi, bene comune e cura del Creato”.

“In questo momento si tratta di ricostruire dalle macerie”, suggerisce il papa, un compito che coinvolge chi è al governo così come il resto della popolazione.

“È ora di rimuovere l’ingiustizia sociale e l’emarginazione”, afferma. “Se cogliamo il processo in corso come un’opportunità, possiamo prepararci per il domani all’insegna della fraternità umana, alla quale non c’è alternativa, perché senza una visione d’insieme non ci sarà futuro per nessuno”.

Parte del Great Reset comporta anche la fine della corsa agli armamenti, aggiunge.

“Non è più tollerabile continuare a produrre e trafficare armi, spendendo enormi quantità di capitali che dovrebbero essere utilizzati per curare le persone e salvare vite umane”.

“Contro questa discordia planetaria che sta stroncando il futuro dell’umanità sul nascere, abbiamo bisogno di un’azione politica che sia il frutto dell’armonia internazionale”, dichiara, sollecitando la fine del “nazionalismo miope” e di altre forme di “egoismo politico”.” A favore di soluzioni multilaterali.

Fonte 1

Fonte 2

Condividi
3
1

SOTTOTITOLI VELOCI?

Copyright © 2020-2021 Detoxed.Info