Connect with us

Imperdibili

MSNBC: “La BAYER negli anni ’80 ha venduto deliberatamente farmaci contaminati con il virus dell’HIV, facendo morire migliaia di persone per puro profitto”

Pubblicato

il

E’ una delle vicende più orribili, accaduta solo pochi decenni fa, ma la maggior parte delle persone non ne ha mai nemmeno sentito parlare. 

Bayer, il colosso farmaceutico divenuto famoso per l’aspirina, all’inizio degli anni ’80 ha potenzialmente ucciso migliaia di persone vendendo consapevolmente prodotti emoderivati contaminati dall’HIV

Il prodotto al centro della vicenda è il fattore VIII, un medicinale sviluppato dal plasma sanguigno, una proteina che aiuta la coagulazione del sangue e che gli emofiliaci, a causa della natura genetica della loro condizione, non sono in grado di produrre.

All’epoca in cui Bayer vendeva i farmaci per l’HIV, gli emofiliaci avevano il 90% di possibilità di contrarre la malattia mortale. 

Nell’ottobre del 1984, Bayer sapeva che un trattamento termico avrebbe ucciso il virus dell’AIDS e che le concentrazioni di fattore VIII non riscaldate invece sarebbero state una condanna a morte per gli emofiliaci. 

Eppure l’unità Cutter Biological della Bayer ha deciso di vendere la medicina infetta, all’estero, negando che il prodotto trattato termicamente sarebbe stato più sicuro pur di “utilizzare le scorte” del farmaco, anche se contaminato. 

Molte persone in Asia e in America Latina sono morte a causa della priorità data da Bayer ai profitti, rispetto alle persone.

L’azienda non voleva distruggere grandi magazzini dei propri prodotti trasfusionali, il che ovviamente sarebbe costato loro dei soldi. 

Inoltre, Bayer ha preferito rispettare contratti a prezzo fisso con il vecchio prodotto contaminato, perché era più economico da produrre. 

Invece di inviare il sangue contaminato negli Stati Uniti e in Europa, il laboratorio lo ha spedito in paesi poveri con meno normative.

L’unità biologica Cutter della Bayer sapeva che la vecchia medicina comportava un alto rischio di trasmissione dell’HIV. Ma hanno comunque spedito i prodotti contaminati agli emofiliaci. 

Dopo il febbraio 1984, quando l’azienda passò a un metodo di trattamento termico più nuovo e più sicuro per produrre il fattore VIII, vendette ugualmente il vecchio prodotto non sicuro in Malesia, Singapore, Indonesia, Giappone e Argentina.

Sebbene rimangano pochi dati del periodo, a Hong Kong e Taiwan più di 100 pazienti sono stati infettati dall’HIV dopo aver usato il medicinale non sicuro. Il figlio di Li Wei-chun è morto nel 1996 quando aveva solo 23 anni: era un emofiliaco che ha contratto l’AIDS dopo aver usato il prodotto della Bayer. In un’intervista con il New York Times , la signora Li ha detto: ”A loro non importava della vita in Asia. Era una discriminazione razziale.”

Il 3 dicembre 1982, i Centers for Disease Control (CDCavevano inviato una lettera alla Cutter Biological Division di Miles Laboratories, Inc., di proprietà di Bayer, che diceva: “Le continue segnalazioni di AIDS tra le persone con emofilia A sollevano seri interrogativi su la possibile trasmissione dell’AIDS attraverso il sangue e gli emoderivati”.

Un memorandum nello stesso anno raccomandava all’azienda di mettere in guardia i clienti sui pericoli di contrarre l’AIDS attraverso il sangue infetto. Nel febbraio del 1983, il laboratorio ha affermato che stavano effettuando uno screening dei donatori per l’AIDS, in seguito ai rapporti che il virus poteva essere trasmesso attraverso il sangue o gli emoderivati. Ma all’epoca non c’era ancora un esame del sangue per il virus dell’HIV.

Nel 1983, i produttori di Fattore VIII hanno sviluppato un metodo più sicuro per creare il medicinale salvavita. Riscaldando il concentrato, l’HIV veniva reso inattivo e i metodi migliorati portava il tasso di infezione a zero. Ma aumentava anche il costo: il fattore VIII trattato termicamente era sei volte più costoso da produrre.

Un 90% dei riceventi che hanno ricevuto Fattore VIII contaminato da HIV sono stati infettati dall’HIV al loro appuntamento di follow-up. 

Il dottor Sidney M. Wolfe, direttore del Public Citizen Health Research Group, ha  esaminato i documenti prodotti da Cutter Biological negli anni ’80 in quanto coprivano il pericolo dell’uso di medicinali contaminati. “Questi sono i documenti interni dell’industria farmaceutica più incriminanti che abbia mai visto”, ha concluso.

L’azienda sapeva che i suoi prodotti sanguigni comportano il rischio di infezione da HIV, non ha fatto nulla per fermare le vendite e li ha spediti consapevolmente. Anche la FDA sapeva e ha aiutato Bayer a coprire.


Lo scandalo della contaminazione da HIV non è stata la prima volta che i laboratori Cutter hanno messo a rischio vite umane

Negli anni ’50, Jonas Salk sviluppò il primo vaccino contro la poliomielite . Ma quando le aziende farmaceutiche hanno iniziato a produrre il vaccino, il processo di ispezione è fallito. Cutter Laboratories ha iniettato a 200.000 bambini un vaccino contro la poliomielite che conteneva il virus vivo della polio. Il disastro causò 40.000 casi di poliomielite e divenne noto come l’incidente di Cutter. Sebbene un tribunale abbia stabilito che Cutter non è stato negligente nella produzione del vaccino, in parte perché hanno seguito il metodo di Salk per crearlo, l’errore non è stato colto dagli ispettori e molti bambini sono morti.

Fonte 1

Fonte 2

Fonte 3

Condividi

SOTTOTITOLI VELOCI?

Copyright © 2020-2021 Detoxed.Info