Connect with us

covid19

Scienziato tedesco è sicuro: il coronavirus è fuoriuscito dal laboratorio di WUHAN

John Cooper

Pubblicato

il

Uno scienziato dell’Università di Amburgo ne è certo: il coronavirus ha origine da un incidente di laboratorio a Wuhan. Ma ora c’è una critica al risultato e alla metodologia.

Amburgo – L’ Università di Amburgo è attualmente oggetto di critiche: in uno studio del fisico Roland Wiesendanger, egli giunge alla conclusione che il coronavirus non è stato trasmesso per la prima volta dai pipistrelli come sospettato. Nella sua indagine, fa risalire l’ origine di Sars-CoV-2 ad un incidente di laboratorio a Wuhan . Il nuovo virus è apparso per la prima volta nella città cinese nell’autunno del 2019 e, secondo gli esperti, avrebbe avuto origine lì.

I risultati del nanoscienziato dell’Università di Amburgo significherebbero che la pandemia di coronavirus non è una catastrofe naturale : invece di un’origine naturale, è un guasto in un laboratorio di prova in Cina : “In sintesi, si può dire che è stato ci sono molte prove che suggeriscono che un incidente di laboratorio presso l ‘”Istituto di virologia di Wuhan” è di gran lunga la causa più probabile della pandemia della corona “. Ma il metodo utilizzato da Wiesendanger per le sue indagini ha incontrato enormi critiche e ha sollevato molte domande.

Il Coronavirus deriva da un incidente di laboratorio a Wuhan? L’università di Amburgo vede chiare indicazioni

In un comunicato stampa dell’Università di Amburgo , ad esempio, l’ Università di Amburgo afferma che lo studio di Roland Wiesendanger non fornisce ” alcuna prova altamente scientifica” sul presupposto che il virus corona sia stato causato da un guasto del laboratorio a Wuhan : ” Non fornisce alcuna prova altamente scientifica, ma fornisce numerose e serie prove “, dice.

Le indicazioni, cioè le prove, includono, ad esempio, che ad oggi nessun animale è stato identificato come ospite intermedio . L’ipotesi da parte dei virologi che il coronavirus provenga dai pipistrelli e sia stato trasmesso all’uomo tramite un altro animale non può essere dimostrata oltre ogni ragionevole dubbio . Nella scienza, i virus trasmessi dagli animali sono chiamati zoonosi . Inoltre, continua Wiesendanger, il nuovo Sars-CoV-2 è sorprendentemente ben adattato alle persone . Ha proprietà che altrimenti non si verificherebbero con i coronavirus: per Wiesendanger un’indicazione che il virus potrebbe essere stato manipolato .

I virus SARS-CoV-2 possono accoppiarsi sorprendentemente bene ai recettori delle cellule umane e penetrare nelle cellule umane. Ciò è reso possibile da speciali domini di legame del recettore cellulare collegati a uno speciale sito di scissione (furina) della proteina spike del coronavirus. Entrambe le proprietà insieme erano precedentemente sconosciute nei coronavirus e indicano un’origine non naturale dell’agente patogeno SARS-CoV-2.Dal comunicato stampa dell’Università di Amburgo

Inoltre, i pipistrelli , che hanno dimostrato di trasportare vari coronavirus, non sono nemmeno offerti sul mercato a Wuhan, dove si sospettava il primo focolaio del patogeno. D’altra parte, il laboratorio corona di Wuhan ha ” le più grandi collezioni al mondo di patogeni di pipistrelli , che provengono da grotte lontane nelle province meridionali della Cina”, ha detto Wiesendanger.

La curiosità scientifica mi ha portato a questo, così come il senso del dovere. In qualità di scienziato, devo chiedermi l’origine di tutta la sofferenza causata dal virus Sars-CoV-2. […] Ho incluso solo prove serie nello studio che possono essere valutate secondo criteri scientifici. Tuttavia, ho raccolto circa 600 indizi in totale.

Prof. Dr.  Roland Wiesendanger h
Il coronavirus è un incidente di laboratorio? Prof. Dr. Roland Wiesendanger ha fatto luce sull’origine del virus corona.© Sebastian Engels / Università di Amburgo

Coronavirus: studio sul presunto incidente di laboratorio a Wuhan – Massicce critiche alla metodologia

Poco dopo la pubblicazione, l’ Università di Amburgo ha ricevuto massicce critiche . Da un lato , l’università ha presentato su Twitter il lavoro del nanoscienziato Roland Wiesendanger come uno “studio”. La pubblicazione è piuttosto una prestampa, cioè una pre-pubblicazione. Ciò significa che sebbene sia stato pubblicato, non è stato ancora esaminato criticamente da altri scienziati. Molti utenti hanno criticato la presentazione dell’università come fuorviante.

In secondo luogo, c’erano dubbi sulla natura scientifica dell’indagine, perché Wiesendanger non è solo un nanoscienziato . Oltre alla letteratura scientifica, Wiesendanger ha utilizzato anche tweet, video di YouTube e articoli di notizie come fonti , ad esempio da Epoch Times , che assume una posizione chiaramente critica nei confronti del governo cinese e ha già attirato l’attenzione in Germania con i suoi rapporti positivi di destra- gruppi estremisti di ala.

Il nanoscienziato dell’Università di Amburgo utilizza anche preprints per la sua indagine che non sono ancora stati valutati scientificamente e criticamente dai colleghi, cioè non hanno alcuna “peer review”. La ZDF ha già espresso pubblicamente massicce critiche allo studio sul coronavirus, come riferiscono i colleghi di wa.de *. “Non si può e non si deve chiamarlo studio”, si cita in termini chiari il direttore editoriale del Science Media Center di Colonia.

Il gruppo di ricerca dell’OMS contraddice la “teoria del laboratorio” dell’Università di Amburgo

Oltre alle critiche, un gruppo di ricerca dell’OMS che avrebbe dovuto indagare sull’origine del nuovo coronavirus a Wuhan è arrivato a un risultato completamente diverso, come riportato da 24hamburg.de *: Di conseguenza, la “teoria del laboratorio” era per l’origine del Coronavirus altamente improbabile .

Al 14 gennaio, 17 ricercatori internazionali e 17 cinesi hanno svolto ricerche a Wuhan per un mese . È vero che non tutte le questioni sono state finalmente chiarite. Tuttavia, gli scienziati ne sono convinti , che il coronavirus abbia un’origine naturale : “Tutto il lavoro che è stato svolto sul virus, e il tentativo originato di identificare, indicano ancora un serbatoio naturale del virus in popolazioni di pipistrelli in calo, “ha detto Peter Jan Embarek , capo del comitato investigativo dell’OMS, in una conferenza stampa per annunciare i risultati.

Fonte

Lo studio sull’origine del coronavirus

Il coronavirus ha portato a una crisi mondiale per oltre un anno. In un nuovo studio, il nanoscienziato Prof. Dr. Roland Wiesendanger chiarisce le origini del virus. Le sue scoperte concludono che ci sono una serie di fonti di qualità che indicano un incidente di laboratorio presso l’Istituto di virologia di Wuhan come causa dell’attuale pandemia.

Lo studio è stato condotto da gennaio a dicembre 2020 e si basa su un approccio di ricerca interdisciplinare e un’ampia ricerca utilizzando un’ampia gamma di fonti di informazione. Questi includono letteratura scientifica, articoli su carta stampata e media online e comunicazione personale con ricercatori internazionali. Non forniscono alcuna prova scientifica, ma forniscono numerose indicazioni significative:

  • Contrariamente alle prime epidemie basate sul coronavirus come la SARS e la MERS, la comunità scientifica deve ancora identificare l’ospite provvisorio che ha reso possibile la trasmissione di SARS-CoV-2 dai pipistrelli all’uomo. Pertanto, non esiste una solida base per una teoria zoonotica come possibile spiegazione per la pandemia.
  • I virus SARS-CoV-2 sono sorprendentemente efficaci nel legarsi ai recettori delle cellule umane e nell’infettare le cellule umane, grazie ai suoi speciali domini di legame ai recettori cellulari combinati con uno speciale sito di scissione (furina) della proteina spike del coronavirus. Questa è la prima volta che un coronavirus ha entrambe queste caratteristiche e indica un’origine non naturale del patogeno SARS-CoV-2.
  • Non c’erano pipistrelli in vendita al mercato umido nel centro di Wuhan, che è il sospetto fulcro dell’epidemia. L’Istituto di virologia di Wuhan, tuttavia, ospita una delle più grandi collezioni di pipistrelli patogeni al mondo, prelevati da grotte lontane nelle province della Cina meridionale. È estremamente improbabile che i pipistrelli si siano diretti naturalmente a Wuhan, da quasi 2.000 km di distanza, per poi iniziare una pandemia mondiale nelle immediate vicinanze dell’Istituto di virologia di Wuhan.
  • Un gruppo di ricerca presso l’Istituto di virologia di Wuhan ha studiato per molti anni la manipolazione genetica dei coronavirus con l’obiettivo di renderli più infettivi, più pericolosi e più fatali. Ciò è stato dimostrato da numerose pubblicazioni.
  • Le misure di sicurezza sono state documentate come insufficienti presso l’Istituto di virologia di Wuhan prima dello scoppio della pandemia di coronavirus.
  • Ci sono numerose indicazioni dirette che l’agente patogeno SARS-CoV-2 sia di origine di laboratorio e indicano che un giovane ricercatore dell’Istituto di virologia di Wuhan è la prima persona ad essere infettata. Inoltre, ci sono indicazioni che l’agente patogeno SARS-CoV-2 sia emerso dall’Istituto di virologia di Wuhan nella città di Wuhan e oltre. Ci sono anche indicazioni che le autorità cinesi abbiano condotto un esame dell’istituto nella prima metà di ottobre 2019.  

“L’attuale pandemia di coronavirus non solo sta dominando i titoli dei giornali, ma ci occuperà per molti anni a venire, non da ultimo a causa dei suoi effetti sociali ed economici. Affrontare la crisi della corona è stato l’argomento predominante sia in politica che nei media. Tuttavia, un esame critico basato sulla scienza della questione dell’origine dell’attuale pandemia è di grande importanza oggi, perché solo sulla base di questa conoscenza possono essere prese adeguate precauzioni per ridurre al minimo la probabilità che simili pandemie si ripetano in futuro “, spiega Prof. Dr. Roland Wiesendanger.

Lo studio è stato completato nel gennaio 2021 e inizialmente distribuito e discusso negli ambienti scientifici. La sua pubblicazione mira ad aprire una conversazione ad ampio raggio, in particolare per quanto riguarda gli aspetti etici di tale ricerca “guadagno di funzione”, che rende i patogeni più infettivi, pericolosi e fatali per l’uomo. Rilasciando il suo studio, il Prof. Wisendanger ha spiegato: “Questo non può più essere un problema solo per un piccolo gruppo di scienziati; è urgente che diventi oggetto di dibattito pubblico “. 

Lo studio è stato pubblicato su http://doi.org/10.13140/RG.2.2.31754.80323 .

Fonte

Studie Corona-Pandemie Wiesendanger Final by Detoxed Info on Scribd

PDF Embedder requires a url attribute
Condividi

SOTTOTITOLI VELOCI?

Copyright © 2020-2021 Detoxed.Info