Connect with us

Transumanesimo

Start-up francese NextMind inizia a distribuire il DevKit del suo dispositivo neurale

Pubblicato

il

La start-up francese NextMind, che ha sviluppato un’interfaccia neurale non invasiva, annuncia l’8 dicembre di aver iniziato a spedire i suoi kit di sviluppo. Annunciato quasi un anno fa al CES 2020, il dispositivo è in grado di rilevare determinati segnali elettrici emanati dal cervello e tradurli in azioni, il tutto in tempo reale. In vendita a 399 dollari.



DEMOCRATIZZARE LE INTERFACCE NEURALI
Il kit di sviluppo consiste in una fascia da far passare intorno alla testa, sul retro della quale si trova un elettroencefalografo (EEG) che misura l’attività elettrica del cervello. Questo sensore ha otto elettrodi progettati per passare sotto i capelli degli utenti per un miglior segnale possibile. Il segnale viene quindi trasmesso al computer tramite Bluetooth, che lo interpreta utilizzando algoritmi di apprendimento automatico. Siamo stati in grado di testarlo al CES 2020 e la tecnologia ci è sembrata promettente, sebbene necessitasse ancora di miglioramenti.
 

Da allora, la start-up ha migliorato i suoi modelli di apprendimento automatico e prevede di continuare ad aggiornarli regolarmente per renderli più veloci e precisi nei risultati. Spera inoltre di poter fare a meno del processo di calibrazione che rimane necessario per l’utilizzo del dispositivo entro pochi mesi. Oltre a questo sensore e al sistema di apprendimento automatico, il kit di sviluppo include un plug-in per Unity, nonché tutorial e cinque applicazioni demo. Anche David Helgason, fondatore di Unity, è uno degli investitori della società, che a dicembre 2018 ha raccolto 4,6 milioni di euro (di cui un milione da Bpifrance).



NextMind cita la compatibilità con i computer che eseguono Windows 10 e macOS, nonché i visori per realtà virtuale di Oculus, HTC Vive e i visori per realtà aumentata Microsoft Hololens. L’industria dei videogiochi sembra essere ancora l’obiettivo principale preso di mira dalla start-up con il suo prodotto, sebbene i casi d’uso in quest’area non siano evidenti, come abbiamo notato durante il nostro test di gennaio. Un utilizzo per il controllo della casa intelligente è evidenziato anche da NextMind.
 


ASSUNZIONI IN CORSO, RACCOLTA FONDI IN ARRIVO
La giovane impresa sta anche esplorando collaborazioni con aziende di vari settori, tra cui una casa automobilistica. Sono già stati firmati tre contratti e sono in corso discussioni con 25 aziende in totale. Parallelamente, NextMind continua a lavorare alla sua seconda raccolta fondi, che dovrebbe iniziare nel primo trimestre del 2021. L’azienda, fondata nel 2017 da Sid Kouider, ricercatore del laboratorio di scienze cognitive e psicolinguistiche dell’École normale supérieure, impiega ora più di 20 persone nella sua sede a Parigi, e prevede assunzioni significative durante il prossimo anno.

Fonte

Condividi

SOTTOTITOLI VELOCI?

Copyright © 2020-2021 Detoxed.Info