Connect with us

Tecnocrazia

Tony BLAIR: “I governi inevitabilmente arriveranno ad un sistema di Identità Digitale Biometrica per salute, transazioni finanziarie e flussi migratori” (2020)

Pubblicato

il

L’ex primo ministro del Regno Unito Tony Blair, al Cyber Polygon svoltosi lo scorso anno, ha parlato della necessità di un’identità digitale biometrica per ogni cittadino, in modo da poter contrastare meglio la pandemia e migliorare le transazioni monetarie, nonchè i flussi migratori.

L’ID digitale per me è una parte molto importante del futuro… Inevitabilmente, i governi si muoveranno in questa direzione – assolutamente, inevitabilmente” – Tony Blair, Cyber ​​Polygon 2020

I pass sanitari e i passaporti per i vaccini sono solo trampolini di lancio verso l’adozione dell’identità digitale.

Per coloro che non hanno familiarità, le identità digitali tengono un registro di tutte le tue attività online, come i siti web che visiti, con chi comunichi, il tuo stato di salute, le tue informazioni finanziarie, il punteggio di credito, ecc.

Secondo un  rapporto del WEF del 2018 , “La nostra identità è, letteralmente, chi siamo, e con l’avanzare delle tecnologie digitali della Quarta Rivoluzione Industriale, la nostra identità è sempre più digitale”.

“Questa identità digitale determina a quali prodotti, servizi e informazioni possiamo accedere o, al contrario, cosa ci è precluso”.

In altre parole, le identità digitali – con i passaporti sanitari che sono solo una componente – stanno portando a un sistema di classi in cui alle persone viene dato accesso a informazioni, prodotti e/o servizi privilegiati sulla base dei dati registrati nelle loro identità digitali.

Stiamo già assistendo a questa situazione con i passaporti dei vaccini ed è improbabile che si fermi qui.

Fonte

Condividi

SOTTOTITOLI VELOCI?

Copyright © 2020-2021 Detoxed.Info